top of page
  • Immagine del redattoreValeria

Salmone annerito al sumac con insalata di quinoa



Se c'é una cosa che non manca nella mia cucina sono le spezie.

Sono letteralmente in ogni mobile e mensola della cucina.


Non sono espertissima ad usarle, sto ancora imparando, ma non riesco proprio a resistere alla visione di tutte qualle polverine colorate e dai profumi intensi ed esotici che sprigionano.


Per questo amo ancora di piú i libri che mi aiutano ad utilizzarle in modo corretto e bilanciato.


Il libro della settimana di Cook My Books é appunto The Modern Spice Rack di Esther Clark e Rachel Walker ed io ho scelto questa ricetta semplicissima ma ricca di ingedienti e di sapori.


Ormai saprete quanto adori il salmone, vista la quantitá di ricette su questo blog che lo contengono, e ancora di piú lo adoro con la crosticina, se speziata ancora meglio.


La tecnica del "blackening" (letteralmente "annerire", bruciare) é un metodo si cucina Caraibico.

Il segreto é cuocere ad alta temperatura in modo che il rub di spezie esterno sia appena appena bruciato, annerrito appunto, ed il pesce al centro cotto alla perfezione e dal retrogusto affumicato dato dalla cottura delle spezie.




Ingredienti per 2 bowls


130 g di quinoa mista

1 cucchiaio e mezzo di olio d'oliva, più uno extra per condire

3 cucchiai di tahina

succo di 2 limoni grandi

3-4 cucchiai di acqua

½ cipolla rossa, affettata molto sottilmente

½ cetriolo, affettato

1 cucchiaino piú un pizzico di sumac

½ cucchiaino di paprika affumicata piccante

½ cucchiaino di cumino in polvere

2 filetti di salmone da 150 g

20 g di burro

2 uova alla coque, cottura: 6 minuti e mezzo (facoltativo)

1 avocado piccolo e maturo, affettato

1 cucchiaio di semi di sesamo neri o bianchi

cipollotto affettato sottilmente o erbe a scelta per guarnire

sale



Sciacquate la quinoa sotto l'acqua corrente, in un colino, trasferitela in una pentola e coprite con acqua fredda in modo che risulti coperta da un dito d'acqua.

Portate la pentola sul fuoco, coprite e portate ad ebollizione.

Appena inizia a sobbollire, salate e continuate la cottura per 10 minuti, con la pentola semi coperta.

Scolate con un colino, poi versate la quinoa in una ciotola e condite con un filo d'olio d'oliva e un po' di sale. Tenete da parte.


Preparate il condimento. Mescolate la tahina, il succo di 1 limone, l'acqua e un pizzico di sale in una piccola ciotola e mettete da parte.


In una ciotola media separata, unite la cipolla, il cetriolo, un pizzico di sumac, un pizzico di sale e il restante succo di limone e mescolate fino a quando non saranno ben amalgamati. Lasciate riposare per 20 minuti.


Mescolate l'olio d'oliva, il sumac rimanente, la paprika, il cumino e un pizzico di sale in una piccola ciotola. Usate un pennello da cucina per spennellare il composto uniformemente su tutti i filetti di salmone.


Scaldate una padella dal fondo spesso a fuoco alto fino quasi a fumare. Aggiungete il burro e un filo d'olio d'oliva, quindi capovolgete il salmone nella padella con la pelle rivolta verso il basso e cuocere per 3 minuti. Girate e cuocete per altri 3-4 minuti fino a quando la pelle e la carne saranno scure e croccanti.


Per servire, versate la quinoa in 2 ciotole da portata. Irrorate con la salsa tahini e poi sfaldate il pesce. Aggiungete un uovo alla coque in ogni ciotola, insieme alle fette di avocado, all'insalata di cetrioli, ai semi di sesamo e alle erbe aromatiche. Servite.




39 visualizzazioni0 commenti

Post recenti

Mostra tutti
bottom of page